Aleteia

The Story Behind the “Black Madonna”

FABRICE COFFRINI / AFP
Share
Comment

Celebrating Mary's contemplative spirit with Our Lady of Einsiedeln

Il 21 gennaio 861, due ladri brutalmente assassinati un monaco benedettino di anziani che avevano trascorso decenni a vivere come un eremita nella foresta nera della Svizzera. Il monaco, Meinrad, aveva offerto la ladri cibo e riparo, pur avendo avuto una premonizione che erano intenti a ucciderlo. 

Il piccolo eremo di Saint Meinrad-ora onorato come “Martire dell’Ospitalità” -became un luogo di pellegrinaggio e a casa di altri eremiti, tra cui Beata Benno di Metz. Un abbazia benedettina è stata costruita sul sito in 934 sotto la cura del suo primo abate, il beato Eberhard. Attraverso i secoli, questa importante e storica abbazia-Abbazia di Maria Einsiedeln-ha goduto di molti privilegi ed è stata la casa di alcuni santi, tra cui il vescovo di Saint Wolfgang di Regensburg, gli abati di Saint Thietland, San Gregorio e San Adalgott, e i monaci Beati Kuno, Beati Ulrich, e San Alaric. Oggi, un altro dei monaci di Einsiedeln, Venerabile Meinrad Eugster (d. 1925), è un candidato per la beatificazione.

Nel 1854, due missionari-monaci viaggiato dalla Svizzera alle colline di Southern Indiana, stabilendo un monastero che sarebbe poi diventato San Meinrado Archabbey. I monaci svizzeri portarono con sé l’immagine della famosa “Madonna Nera”, che era stato onorato per secoli al loro abbazia madre, l’introduzione di questa devozione verso gli Stati Uniti.

La parola Einsiedeln mezzi “Hermitage” e si riferisce a quel dimora originaria di San Meinrad. L’antica tradizione racconta che la statua della Madre di Dio in eremitaggio del santo divenne il centro di preghiera e dei pellegrinaggi ed è stata tramandata da una generazione di monaci a quella successiva. Purtroppo, l’immagine originale è andato perduto (magari in uno degli incendi che hanno devastato l’abbazia nel corso degli anni); la statua della Madonna con il Bambino che è ora venerata presso l’Abbazia di Einsiedeln è stata scolpita da un artigiano sconosciuto a metà del 15 ° secolo e si trova in una cappella di marmo finemente ornata costruita sul luogo di eremitaggio di San Meinrado. Reliquie di San Meinrado sono anche conservati nella cappella.

L’immagine corrente, annerito da secoli di fumo delle candele e incenso e conosciuta come la Madonna di Einsiedeln, è un simbolo venerato di Maria, che è onorato di questo titolo dai monaci benedettini, monache, e sorelle in tutta l’Europa, gli Stati Uniti e America Latina. La sua festa si celebra il 16 luglio, che è più generalmente osservata come il ricordo di Maria con il titolo di carmelitano di ispirazione di Nostra Signora del Monte Carmelo.

Oggi, santuario di Maria presso l’Abbazia di Einsiedeln attira più di 200.000 pellegrini ogni anno e ha il distinzione di essere sia una delle principali destinazioni lungo il Cammino di Santiago e il terzo più popolare santuario mariano in Europa.

Mentre il titolo di Maria “Nostra Signora del Monte Carmelo” splendidamente celebra la protezione di Maria materna (simboleggiata dalla scapolare marrone), la tradizione di onorare Maria come “Nostra Signora dell’Hermitage” potrebbe dire per onorare lo spirito contemplativo di Maria, molto simile a quella del santo eremita la cui storia è al cuore di questa antica devozione.

In due punti, il Vangelo di Luca ci dice che Maria meditava ciò che stava accadendo nella sua vita e nella vita del suo Genero “nel suo cuore.” Il primo è subito dopo il racconto di Luca della nascita di Gesù, con gli angeli che accompagnano cantando e pastori in visita (2:19) e l’altro è dopo Mary e Joseph trovare il perduto 12 anni, Gesù al Tempio di Gerusalemme: “Partì dunque con loro e tornò a Nazaret e stava loro sottomesso; e sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore “(2,51).

Mentre Maria goduto di un rapporto con Cristo che nessun altro essere umano può avere, quello di una madre si sentiva meraviglia e stupore di fronte ai grandi eventi a che aveva accettato di svolgere un ruolo. Possiamo immaginare che la Maria del Sabato Santo, in lutto per la morte del suo Figlio crocifisso, avrebbe anche esaminato nel suo cuore per cercare di dare un senso a tutto quello che era accaduto. Questo è stato lo stesso cuore che Simeone, tanti anni prima, avevano promesso sarebbe stato trafitto quando lei e Giuseppe aveva presentato Gesù al Tempio. Il suo era un cuore che aveva conosciuto sia le gioie della maternità e della spada devastante del dolore.

Pages: 1 2

Tags:
Saints
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.
Aleteia offers you this space to comment on articles. This space should always reflect Aleteia values.
[See Comment Policy]